Statuto

Viene costituito il GRUPPO APULO DI OTORINOLARINGOIATRIA (G.A.O.) che raccoglie e continua la lunga tradizione di attività culturale professionale, svolta dagli otorinolaringoiatri della Puglia e delle province limitrofe nell’ambito del “Gruppo otorinolaringologico pugliese”, che, istituito il 13 dicembre 1952, viene oggi, a motivo di questo atto costitutivo, dichiarato definitivamente disciolto. 

Art. 1 

Il GAO non ha scopi di lucro e intende perseguire nel  campo della otorinolaringoiatria: 

1) l’aggiornamento e la divulgazione di argomenti professionali; 

2) l’educazione permanente alla osservazione clinica ed ai procedimenti di diagnosi e terapia;

3) la possibilità per tutti di portare all’attenzione dei soci il contributo di esperienze professionali personali. 

Art. 2 

I soci del GAO si distinguono in  soci fondatori, ordinari,  onorari ed aggregati. Sono soci ordinari i medici specializzati (o equiparabili per legge) in Otorinolaringoiatria, in Audiologia ed in Foniatria, che operano professionalmente nella regione Puglia o nelle province limitrofe, come medici strutturati nel servizio sanitario nazionale o nell’organizzazione universitaria, come funzionari di Stato o infine come liberi professionisti. 

Art. 3 

I soci ordinari vengono accettati dal Consiglio Direttivo del GAO su domanda scritta del candidato, corredata da certificazione attestante la conseguita specialità e fatta pervenire al Presidente almeno cinque giorni prima dell’Assemblea. La nomina viene ratificata dall’Assemblea. 

I soci ordinari hanno voto deliberante, sono elettori ed eleggibili se in regola con il  pagamento delle quote sociali annuali. 

Art. 4 

I soci fondatori sono gli specialisti che hanno ispirato e sollecitato la istituzione del GAO, redatto il presente statuto e sottoscritto l’atto costitutivo ufficiale. Essi non godono di alcuna prerogativa in seno al collegio societario. 

Art. 5

I soci onorari vengono nominati  dall’assemblea, su proposta del Consiglio Direttivo, le personalità del mondo della cultura, anche non specialisti e/o non attive in Puglia e province limitrofe, che abbiano dato un contributo fattivo al progresso culturale professionale del GAO. 

Sono soci aggregati i medici iscritti alle Scuole di Specializzazione in Otorinolaringoiatria, in Audiologia ed in Foniatria di qualunque sede universitaria, purchè ufficialmente residenti nella Regione. 

I soci onorari ed aggregati non pagano quote associative, non hanno voto deliberante, non sono elettori nè eleggibili, partecipano gratuitamente a tutte le manifestazioni ufficiali del GAO. 

Art. 6

Si è soci a decorrere dal momento della ratifica assembleare. 

Il socio può rassegnare le dimissioni dal GAO, inviandone comunicazione scritta (non necessariamente motivata) al Presidente. 

Decadono dalla qualifica di socio gli specialisti che abbiano trasferito la sede della attività professionale fuori dell’area del GAO e coloro che siano incorsi in provvedimenti disciplinari da parte dell’Ordine dei Medici competente per provincia. 

Ai soci ordinari dimissionari non è dovuta la restituzione delle quote sociali e di eventuali contributi straordinari versati.    

Art. 7 

Organi di governo del GAO sono l’Assemblea, ordinaria e straordinaria, dei soci, il Consiglio Direttivo ed il Presidente. 

Art. 8 

L’Assemblea ordinaria riunisce i soci  in seduta privata almeno una volta l’anno in coincidenza di una manifestazione scientifica. L’Assemblea può essere convocata anche in via straordinaria per decisione autonoma del Presidente o collegiale del Consiglio Direttivo. La convocazione va notificata con avviso scritto inviato almeno 10 giorni prima della data fissata per l’Assemblea, che è validamente costituita in prima convocazione se è presente almeno la metà  più uno dei soci ordinari ed in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci intervenuti purchè superiore al numero dei componenti il Consiglio Direttivo ed in regola con la quota associativa. Ogni socio ha diritto ad un voto e non sono ammesse deleghe. 

Art. 9 

L’Assemblea è presieduta dal Presidente o in sua assenza dal vicepresidente od in loro assenza dal Consigliere più anziano d’età. L’Assemblea vota normalmente per alzata di mano e  ratifica a maggioranza semplice dei presenti. 

L’Assemblea vota invece per scheda i nomi dei soci che abbiano comunicato al Presidente  uscente la propria disponibilità a far parte del Consiglio Direttivo subentrante. Può essere richiesta la votazione a scrutinio segreto solo in casi del tutto particolari; essa viene decisa dall’Assemblea. 

Art. 10 

L’Assemblea delibera sulla programmazione dell’attività scientifica, sul rinnovo delle cariche sociali, sugli adempimenti amministrativi, organizzativi e di rappresentanza. In particolare l’Assemblea sceglie, tra quelli proposti dal Consiglio Direttivo o da soci presenti in aula, gli argomenti delle manifestazioni scientifiche, che possono aver forma di relazione, simposio, panel, seminario, ecc., affidandone la realizzazione al socio proponente, al quale viene lasciata ampia libertà di scelta di eventuali collaboratori. 

L’Assemblea, su proposta del Consiglio Direttivo, delibera anche sull’assegnazione di borse di studio per soci aggregati o specializzati da non più di tre anni, sulla elargizione di contributi per la pubblicazione di lavori scientifici, preventivamente approvati da una commissione ad hoc. 

I verbali delle riunioni assembleari sono redatti dal segretario, firmati dal Presidente dell’Assemblea e custoditi dal Presidente in carica. 

Art. 11 

Il Consiglio Direttivo, eletto a maggioranza semplice nei modi previsti dall’art.9, dura in carica un anno ed è costituito dal Presidente, dal Vicepresidente e da tre Consiglieri.  

Fa anche parte del Consiglio un Segretario – Tesoriere, che ha voto consultivo unicamente in seno al Consiglio, dura in carica quattro anni e viene nominato direttamente dal Presidente. 

Art. 12 

Il Presidente dura in carica un anno, rappresenta ufficialmente il GAO, promuove, organizza e coordina le attività e le iniziative scientifiche allo scopo di realizzare, perfezionare e potenziare i compiti istituzionali del GAO. 

Il Presidente propone all’Assemblea il numero e la sede delle riunioni scientifiche, eventuali incontri congiunti con altri Gruppi o Associazioni allo scopo di trarre il maggiore profitto da convergenti esperienze e nozioni professionali. 

Art. 13 

L’Assemblea elegge il Presidente, il Vicepresidente, ed i membri del Consiglio Direttivo. Il Vicepresidente eletto subentra al Presidente nell’anno successivo. E’ prevista l’alternarsi nella carica di Presidente tra Ospedalieri ed Universitari con un rapporto temporale di 2:1. E’ compito del Consiglio Direttivo convocare l’Assemblea e definire l’ordine del giorno, proporre all’approvazione dell’Assemblea l’ammontare  della quota sociale annuale, i bilanci preventivi e consuntivi, la gestione dei fondi a scopo istituzionale, l’ammissione di nuovi soci, l’istituzione di borse di studio. 

L’esercizio sociale si chiude il 31 dicembre di ciascun anno. 

Art. 14 

La quota sociale nella cui misura i soci ordinari sono tenuti annualmente a corrispondere   è deliberata dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo. La quota associativa è intrasmissibile e non è rivalutabile. 

Tutte le iniziative di sostegno economico devono essere intraprese o programmate senza che sia necessario far lievitare l’ammontare della quota sociale annua di oltre il 10% (arrotondato) e però solo ad ogni rinnovo del Consiglio Direttivo. 

Per queste iniziative il Presidente, a nome del GAO, può accettare, senza obbligo alcuno di contropartita, contributi a titolo: 

1) di sponsorizzazione o di compenso per attività di ricerca svolta, con autorizzazione dell’Assemblea, da soci ordinari; 

2) di promozione professionale di soci specializzati da non più di  3 anni, o infine come da atto di donazione.  

Art. 15 

Il socio in mora di 3 quote annuali, anche dopo invito scritto da parte del Presidente a regolarizzare la posizione contributiva, viene considerato dimissionario. 

Art. 16 

La sede ufficiale del GAO è al recapito professionale del Presidente in carica. 

Art. 17 

Nel caso di scioglimento del GAO, la disponibilità finanziaria eventualmente esistente deve obbligatoriamente essere devoluta ad altra Associazione con finalità analoga o avente fini di pubblica utilità. 

E’ vietata la distribuzione anche in modo indiretto di utili, avanzi di gestione, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che questa sia imposta dalla Legge. 

Art. 18 

Il Presente Statuto, su richiesta di almeno un terzo dei soci o su proposta del Consiglio Direttivo, può essere modificato dall’Assemblea con votazione a maggioranza semplice degli aventi diritto al voto. 

Per quanto non previsto dal presente Statuto si fa riferimento alle norme di legge vigenti ed ai principi generali del Diritto. 

Norma transitoria 

In prima applicazione del presente Statuto l’Assemblea, convocata per deliberare l’ammissione di nuovi soci e per eleggere il Consiglio Direttivo, è valida se costituita dalla metà più uno dei sottoelencati soci fondatori ed è presieduta dal più anziano per età.